All started in Persia in 1957, when from:

REZA PAHLAVI

REZA PAHLAVI
Shah of Persia

PAHLAVI  COAT

and

MARIA GABRIELLA  OF SAVOIA

the Princess
MARIA GABRIELLA
of SAVOIA

in 12 of the month of November I was born

MONHUD PALHEVI SAVOIA  GARRO

MONHUD
PALHEVI SAVOIA GARRO

 

ATTENTION NOTICE

 

DSC_0008

Picture taken the 04.28.2016

 

On this same site of mine it is possible to read a previous “Letter of Position” that I wrote, in which I have put on notice all the people who were acting as lords of my personal history and of my finances, even though they know the truth about the identity of my person, of the facts tied to my birth as firstborn son of the Shah of Persia Reza Pahlavi and of Gabriella of Savoy and the consequent dynasty rights, - confirmed by the received consecrations and also by the symbolic signs engraved on my body – and of heir of the goods belonging to my father according to the laws of the Islamic state of Persia and of the international rights.

Even to this day movements of capitals, belonging to me, are happening at an international financial level. There are nations that would like to have my existence proclaimed and my rights respected, while others, with the approval and support of Jewish, Moslem, Masonic international financial groups of various ethnic belonging, still pretend to ignore my person and the “will” manifested by me regarding the destination of the capitals of which, as heir, I am the rightful owner.

I put my person, situations and life in the hands of the only One Most High and Omnipotent, so that His admirable design of love, of salvation and blessed eternity be accomplished in me according to His provident mercy.

Jesus, supreme Lord and Judge of all men and of history, may in the last day of the Resurrection be merciful with me and bring me in His blessed Kingdom. May The “All Powerful”, if this is His will, in His merciful justice, grant that my rights be respected and the “poor” of Africa and of the entire world be helped and raised from their anguish by the donations that they will receive from my alms.

The Creator and Unique Lord, who sees and supports everything so that “nothing escapes His hand”, will make Mary, mother of all mothers, accomplish what I wrote in my previous “Position Letter”. Her Immaculate Heart, all love, like the one of Jesus, Son of the Holy Spirit and Hers, will reign in the spirit of all the single persons, families and nations, annihilating Satan’s power and that of the wicked ones. Then no more abuses and wars will exist, but only peace, justice, respect and love; everyone will live in God’s Charity like true brothers of the Lord Jesus.

I wish and pray that all this become reality soon. Those who are subjects of the Clement, belonging both to my people and to all the nations of the earth, praise and pray the Omnipotent and Merciful with me.

The just and holy man Joseph, Mary’s Spouse and Guardian of Jesus, will come to the help of humble and good men, will support them to be just as he is and to pray the Most High this way:

 

“My Lord and my God, remove from me what separates me from you.

  My Lord and my God, grant me all that leads me to you.

  My Lord and my God, take me from myself and give all of me to you.”.

 

I trust and hope, waiting for the certain coming of the glorious Lord Jesus, that the Holy Spirit grant me, by His great mercy, to be ready to appear before Him and to hear said to me, with all the Just and the Saints: “ Come, blessed of my Father, to possess the Kingdom of Happiness prepared from eternity”.

 

Ivan Josef Palhevi Savoia Garro (Monhud)

 

 

Medjugorie, March 25 2016 – Message of Miriam, Jesus’ Mother

 

“Dear children! Today I am carrying my love to you. God permitted me to love you and, out of love, to call you to conversion. You, little children, are poor in love and you still have not comprehended that my Son Jesus, out of love, gave His life to save you and to give you eternal life. Therefore pray, little children, pray so that in prayer you may understand God’s love. Thank you for having responded to my call. ”

 

 

http://www.lastoriaincredibile.org/image/a48.jpg

Palhevi Savoia Josef Monhud

 


 

PREVIOUS INFORMATION:  We give you the advertisement that this www.lastoriaincredibile.org Web Site is constantly polluted with upsetting viruses  (in fact  it is now possible to visualize only the home page, the menu bar and other program links are suppressed); all this is made by  organisms and people who want hinder  the existence of the person presented by this web site, so that cant  to be acknowledged his love for his Iranian People, in full accomplishment of the Almighty God Will.

 

-

 

Letter addressed to the noble and distinguished Persons of the Iranian People.

My Dear Iranians,

may the blessing of the Lord be upon you all.

For a long time, through my website www.lastoriaincredibile.org and other means, I tried to keep myself in contact with you all. On some occasions I have had feedbacks after my messages, through unforeseen situations and in the most unusual ways.
For this, I give thanks to the Lord, since they are the signals He protects me from above and He watches over me.

Now, by my writing, I intend to address myself to you, bringing to your attention my heartfelt appeal, in this particular moment, when the international situation crosses a time of very serious crisis, both political and financial.
Previously, already, I have taken a stand and have intervened to defend you against threats and dangers hanging over you.

Every day I offer my sufferings and my prayers for my beloved people to be spared from further and more serious calamities, mostly, but not only, due to this international crisis.      I specially and particularly pray the Almighty for Iran to be spared from the scourge of another war with all its disastrous consequences. We all know that, especially in recent times, this danger has become particularly acute and evident.

I can guarantee, in front of the Lord, that, also because of my prayers and supplications in your favor, this danger which was imminent, now is no more incumbent. In recent times, in fact, I was feeling, with a particular strength, a burden on me, a kind of heavy feeling and deadly oppression on my body and spirit. But now, after many prayers and requests, I feel that the Heaven protection upon you all, my beloved brothers, is very strong.

I address myself to you not only as your guide, but also, by virtue of the consecration received and by virtue of my royal birth, as the eldest son and sole heir of the immense wealth of the Phalavi family.
I do not know how long will the Almighty grant me to live on this earth. I reconfirm now my final will, expressed several times and on several occasions, to share my considerable wealth in favor of suffering human beings, starting, in particular, from my beloved homeland people.

At present time, however, the Lord, to whose drawings and plans I submit reverently, allows me to be unable to fully implement my wishes. As you well know, I’m subjected, after a long time, to a special oppression by the Western and occult strong powers – but not only by them - which forces me to live in a situation of total lack of dignity and without any financial support. And while these powers of the night hold concealed documents regarding my identity and heritage - you are in possession of many of them in their original forms - they try, in every way, to rob me of my wealth, depriving me of my civil and human rights, forcing me to beg for food and shelter, not to succumb.

Despite all this, I cannot repay evil with another evil. Rather I pray for them because I know that the Almighty has his plans, and his special timing, and that justice, even on this earth, will come and that will happen, maybe, even earlier than imagined.

May the Almighty give you the gift of his mercy. May Miriam and Son Jesus, born of her through the Holy Spirit, guide and protect you on the path of holiness and righteousness.

The Anointed.

 

(signed: Phalavi)

 

I apologize for not supporting you with the English translation.
I hope you will be able to master your translation into Pharsi, Arabic, English….

 

NOTA DI INFORMAZIONE

 

Io, Pahlavi Savoia Garro ho notato che una chat line viene attivata sul mio account di posta elettronica, ovviamente a mia insaputa; in essa si cerca di far credere che sia il sottoscritto ad avvallare quanto vi viene scritto o detto, simulando come provenienti da me situazioni aberranti agli occhi Di Maria, Madre di tutte le madri e di Allah il Misericordioso.
Tale informazione mi è pervenuta da un mio caro amico esperto in informatica.

Seguo con apprensione i fatti che avvengono nei Paesi Islamici ed intensifico la mia preghiera per la giustizia e la pace nella linea che avevo espresso nel mio precedente comunicato: “...di essere disponibile a dare il mio contributo di preghiera e di benedizione a tutto l’Islam, affinché viva ancor più -nella sottomissione al Misericordioso ed Onnipotente- la lode ad Allah e la misericordia piena d’amore per ogni uomo, specialmente verso i poveri ed i sofferenti che vanno aiutati dai principi e dai governanti. Soprattutto prego e desidero che ogni uomo conosca e viva la sua dignità di sottomesso al suo Clemente Creatore e di essere e vivere come fratello in umanità con gli altri uomini”.

Mi conforta constatare che le forti prese di posizioni per i cambiamenti in favore dei “poveri e bisognosi del popolo” sono da voi attuate con senso di sottomissione ad Allah e cercando di non spargere sangue fraterno, usando modi ed azioni il più possibile pacifici, senza cedere alle intrusioni di poteri esterni che vogliono violenza e disordine, come in Iraq.  

Colgo l'occasione, quale Consacrato, di benedire, unito alla passione di Maria, Madre di tutte le madri, il mio amato popolo; ogni giorno prego e benedico sia il popolo iraniano ed anche i suoi nemici presenti specialmente negli USA e in Israele.Ovviamente le mie benedizioni per il popolo iraniano sono rugiada e manna, poiché il mio popolo è in linea con Allah, il Clemente;ma sono una mannaia per tutti coloro che negli USA ed in Israele sono asserviti a Satana. 

Pahlavi Savoia Garro

 

Le note qui scritte sono state redatte come risposta ad un messaggio ricevuto.

 

Egregio Signor Sergio,

la ringrazio per il suo messaggio gentile come segno di incoraggiamento, appoggio e condivisione. Le porgo gli auguri di Felice Anno Nuovo 2011.

Dato che lei ha espresso il desiderio di conoscere qualcosa di più dellamia “vicenda”,mi sono messo a scrivere qualche informazione degli sviluppi avvenuti dal 2007 fino ad oggi.

 

Premessa

“Sono ancora vivo e pienamente cosciente di chi sono e desideroso di essere di aiuto alla pace ed al benessere prima di tutto del mio caro popolo Iraniano, che benedico di cuore e nel nome di Allah attendo che venga presto il momento di essere da loro ufficialmente riconosciuto come consacrato secondo l’Islam e come “Messaggero e Portatore di Pace” tra l’Oriente che teme e adora Allah e l’Occidente che teme Dio e segue Gesù Cristo. Nelle mie lettere e nei contatti che si intrattengono a mio nome e per me con le Autorità Religiose e Civili del mio popolo ho espresso ripetutamente di essere cosciente della mia dignità e compito di Shah e di essere disponibile a dare il mio contributo di preghiera e di benedizione a tutto l’Islam, affinché viva ancor più -nella sottomissione al Misericordioso ed Onnipotente- la lode ad Allah e la misericordia piena d’amore per ogni uomo, specialmente verso i poveri ed i sofferenti che vanno aiutati dai principi e dai governanti. Soprattutto prego e desidero che ogni uomo conosca e viva la sua dignità di sottomesso al suo Clemente Creatore e di essere e vivere come fratello in umanità con gli altri uomini.

 

SONO NESSUNO POLITICI, MAGISTRATI, SERVIZI, BANCHE…CONTRO.

Lo Stato Italiano è finalmente riuscito a rendermi NESSUNO facendo togliere ogni traccia della mia vera identità dall’anagrafe civile di Cuneo e Peveragno, da quellatributaria, dal tribunale dei minori di Torino, dai Tribunali e dalle Questure e Prefetture, nonché dagliuffici dei Carabinieri. E’ stata fatta accuratamente una pulizia a tappeto. Ed anche le banche non sanno che esisto: Banca d’Italia, BRE, San Paolo Intesa. Non solo non esisto come Palhevi Savoia Garro, ma non è mai esistita l’omocodia Tassone Ivano - Palhevi Savoia Garro, che è invece stata riscontrata in varie interrogazioni all’ufficio delle entrate, (come testimoniato dai documenti del procedimento penale n° 634/2000R.G. della Procura di Mondovì) e da altre interrogazioni eseguite altrove, come pure alla Banca d’Italia che citano: Tassone Ivano De duobus unum Palhevi Savoia Garro;

non esiste traccia, almeno così dicono a me, ed hanno tolto ogni possibilità di accesso a questi dati.

http://www.lastoriaincredibile.org/inglese/home_clip_image002.jpg 

 

LA FAMIGLIA TASSONE

La famiglia di Eugenio e Eliodoro, che loro dicono che è la mia legittima, non si interessa più di me, ormai mi hanno tolto tutto, anche la decima del testamento che mi spetterebbe, se fossi figlio di Eugenio. Lucia ha sempre sostenuto che io non sono assolutamente figlio di Eugenio e neppure suo. Non ho più un soldo e mi devono mantenere altri che hanno cuore buono e caritatevole.

Non mi è possibile trovare lavoro, non perché non abbia voglia di lavorare, ma perché tutti sanno chi sono. Ho provato anche un lavoro duro per un mese, ma poi non mi è stato più permesso di continuare, anche se era mia intenzione guadagnarmi il pane con un lavoro manuale pure duro.

 

Per avere la conferma ufficiale che le cose stessero come scritto sopra mi sono presentato personalmente agli enti sopranominati e in tutti ho ricevuto la medesima risposta di routine: “non esiste nulla” della mia vera identità; e questo è stato attestato da loro con lettere che lo affermano.

 

http://www.lastoriaincredibile.org/inglese/home_clip_image003.jpghttp://www.lastoriaincredibile.org/inglese/home_clip_image004.jpg

ITER GIUDIZIARIO

Mi permetto di riportare qui sotto alcuni stralci del carteggio da me inviato a Strasburgo come citati nel sito nella parte Tribunali Ricorso di Strasburgo.

“In questi giorni di Gennaio 2003 purtroppo, non posso fare riferimento a nessuna Autorità scolastica, sindacale, civile, politica, giudiziaria o di polizia, perché, come confermato dall'esperienza del passato, nessuno sembra potere o volere interessarsi al mio caso. Appurato ormai che si è arrivati addirittura a rifare e riscrivere i libri dei certificati anagrafici; ad occultare documenti legali; a far sparire articoli e notizie riguardanti il mio caso, così ora ho fondati motivi di ritenere che, organismi e persone di primaria importanza nello Stato italiano, stiano ostacolando chi intende raccogliere documenti riguardanti la mia persona.
Tali organismi e persone operano inoltre alacremente per manomettere i documenti.

Sono convinto che l'Unico, il Solo Onnipotente, il Signore del mondo, degli uomini e della storia ha sempre manifestato ed attuato verso di me, anche nelle vicissitudini che mi sono capitate, pensieri di bontà, attenzione e protezione. Fino ad ora, sottomesso alla parola e sostenuto dallo spirito del Misericordioso ho potuto sopravvivere tra arrogante disprezzo e indifferenza di persone che, calpestando la dignità di una persona e la volontà paterna su di lui e utilizzando i suoi beni con avidità si sono comportati come sciacalli, abbietti, schiavisti ed aguzzini, anche se appaiono integerrimi e stimati da tutti.Ma se costoro non si sottomettono all'Altissimo, mi toccherà constatare la realizzazione di quanto scritto nei proverbi di Salomone: "Non depredare il povero, perché egli è povero, e non affliggere il misero in tribunale, perché il Signore difenderà la loro causa e spoglierà della vita coloro che li hanno spogliati".

Quanto riportato mostra come le mie parole e previsioni fossero aderenti alla realtà in atto ed ora pienamente realizzatasi. Cercherò di riassumere per sommi capi il susseguirsi della mia storia incredibile. Vinto l’appello alla sentenza precedente che impediva di proseguire l’iter giudiziario di riconoscimento della mia identità, potevo proseguire la causa, ma ero senza soldi per pagare gli avvocati, che volevano cominciare tutto da capo, non tenendo conto dell’iter già fatto e inoltre con la prospettiva di cinque anni di attesa per la sentenza. Già il presidente dei giudici del foro romano aveva subdolamente usato la mia dichiarazione –costretta- di dire chi erano i miei genitori legittimi secondo lo stato italiano (vedi sito) per fermare la causa; mi domando cosa sarebbe successo alla fine dei cinque anni di causa giudiziaria?

http://www.lastoriaincredibile.org/inglese/home_clip_image006.jpg

http://www.lastoriaincredibile.org/inglese/home_clip_image008.jpghttp://www.lastoriaincredibile.org/inglese/home_clip_image010.jpg

Sono vestito della Prima Comunione, che però non mi fu data perché Islamico

Quando la Corte di Strasburgo aveva richiesta a Torino informazioni su di me, il giudice incaricato aveva raccolto un dossier ed era pronto ad inviarlo alla Corte, rendendo quindi pubblica la mia situazione, arrivò da lui un inviato del Consiglio Supremo della Magistratura con l’ordine perentorio di consegnargli il dossier. Di fronte al rifiuto del giudice, l’inviato prese il dossier e lo portò a Roma. Il giudice protestò e per tale atto fu confinato per mesi in punizione in un ufficioa Roma e reso inavvicinabile.(cfr sito)

PASSAPORTO IRANIANO

Facilmente c’era tra i documenti oltre alla filiazione Garro, anche fotocopia del mio passaporto iraniano. Difatti da informazioni ambasciata iraniana in Roma risulta che tale passaporto era stato portato all’ambasciata stessa nella primavera del 1986, in una busta sigillata con ceralacca, da un poliziotto proveniente da Cuneo, con l’intenzione di consegnare definitivamente un tale passaporto alle autorità iraniane, sostenendo che non era valido. L’ambasciata aperto il plico e trovato il passaporto della mia identità di Shah Reggente,primogenito di Reza Palhevi, riconsegnarono invece il passaporto al poliziotto dicendo che era perfettamente valido ed autentico e che andava consegnato al suo proprietario abitante in Peveragno. Dopo tale risposta vari documenti furono bruciati dell’archivio della questura e non so ancora ad oggi dove sia finito tale passaporto.

FIRME E DELEGHE

Proprio dopo questi fatti ed in quel periodo, a 29 anni, fui costretto da un certo entourage ecclesiastico a subire violenze di vario tipo per cambiare il mio aspetto in quello di Eugenio e Lucia Garro. Fui isolato per circa tre mesi; mi videro da lontano ogni tanto girare per Cuneo, sempre in compagnia di una donna e sembravo completamente sotto farmaci. Quando rientrai nel mio lavoro ed ambiente, le persone non riconoscevano più la mia fisionomia, ero parecchio cambiato in viso e non riuscivano a capire cosa fosse successo. Durante periodi come questi impostimi in vari e differenti periodi della mia vita, mi sono state estorte firme varie per deleghe bancarie per operare sui miei capitali o per farmi rinunciare a diritti o somme di denaro che mi spettavano.

GRUPPO CALABRO-SICULO E IL TRAMITE

Nel 2007 ero senza lavoro, senza soldi, dovevo inoltre lasciare il posto in cui ero ospitato e per tentare una soluzione accettai l’aiuto offertomi da un gruppo di potere che si diceva capace di trovare miei documenti e di forzare il muro di gomma che impediva a me di rendere pubblica la mia vera identità e di accedere ai miei capitali. Fui portato da un avvocato di Messina, dove potei veder documenti che mi riguardavano, un originale di mio nonno Umberto II che dichiarava la mia identità e titoli annessi, dati bancari che mi riguardavano. Rimasi per circa 2 mesi nell’isola di Vulcano. Per documenti e varie spese furono versati varie decine di migliaia di Euro da persone che mi erano vicine e che mi aiutano. Un individuo faceva da tramite con questo gruppo, i cui componenti nella speranza di avere una buona somma come ricompensa si erano dati da fare per venire a capo della mia faccenda. Tutto finì improvvisamente per il comportamento del tramite.

Questi rientrò di nuovo in scena per offrire i suoi servigi, e dietro minacce e sotterfugi mi fece firmare vari atti ed anche una delega per operare in banche. Ma costui fino ad oggi non ha consegnato né a me, né a coloro che hanno dato soldi per me copia o documento alcuno e non ha restituito nulla dei soldi presi.

CINA E VATICANO

Da lui fui poi presentato ad un Signore di Torino che conosceva il mondo cinese e dopo alcuni mesi potei contattare un Emissario del governo cinese che mi assicurava, essendo essi una nazione potente, che avrebbero patrocinato la mia causa. Andai due volte al consolato cinese di Milano per fare la pratica visto per la Cina. Furono fatti vari progetti di aiuto, furono dati a nome loro ad un importante avvocato di Milano, che ha la fiducia del governo cinese, fotocopie di tutti i miei documenti. Gli avvocati ed l’Emissario del governo cinese fecero contattare mia madre la principessa Gabriella -conosciuta in oriente come madre dell’imperatore- avvisandola che dai tabulati finanziari in loro possesso ella era l’ amministratrice di fondi Phalevi e le chiesero come mai avesse un tale potere e se fosse lei la madre del primogenito di Reza Phalavi.

I cinesi vollero che io fossi esaminato da uno psichiatra di Brescia di fama internazionale, nonché psichiatra operante nel Vaticano. Dovetti recarmi per due volte nel suo studio portando come anche i risultati della ricerca sul mio DNA eseguita in due studi di Medicina forense di Pavia e di Parma.

Mi permetto di dare una descrizione dei risultati: “Le indagini del DNA, fin dal primo ciclo di ricerche, hanno evidenziato marcatori estranei alle persone di geni esclusivamente europei (come era vantato dai genitori affidatari). Ma in particolare modo hanno evidenziato la forte presenza di marcatori medio-orientali (9 su 14) sia riconducibili al nonno paterno Palhavi che alcune basi asiatiche, riconducibili alla parte “mongola” della nonna materna.…L’indagine mitocondriale ha dato risultato solo ed esclusivamente europeo nella totalità dei marcatori (14) come riscontro univoco di una madre europeae di un genitore di origine medio-orientale tipici delle tribù seminomadi (a dire del medico) che si spostavano dal Caucaso agli urali”.

Fui esaminato in conferenza ed il risultato fu che non ero malato. Mi si diceva che tramite questo psichiatra si era riusciti ad avere l’appoggio del Vaticano alla mia causa e soprattutto a trovarmi una sistemazione adatta, dovendo lasciare l’alloggio dove mi trovavo. Fui accompagnato a Roma, dove mi fermai per tre giorni. Lo psichiatra mi diceva di essere in contatto con autorità vaticane -e lo era realmente- che, avendo egli un alloggio disponibile in vaticano per i suoi frequenti soggiorni di lavoro, avrebbe cercato di sistemare anche me in Vaticano. Lo vidi alcune volte, sempre con appuntamento in piazza San Pietro. Trascorsi tre giorni, non riuscendo a superare le opposizioni incontrate, mi disse di tornare dove abitavo. L’Emissario di Hu-Jintao e lo stesso psichiatra mi assicuravano che il Vaticano era d’accordo nell’aiuto prestatomi e che il Papa stesso era a conoscenza della cosa. Con l’appoggio dello Stato vaticano e Cinese sarei arrivato ad una conclusione. Mi fidai di loro e sempre sull’incarico dell’Emissario fui prelevato, con tutti i miei documenti e oggetti personali, dallo psichiatra e dal Signore di Torino nel luogo dove mi trovavo e venni portato a Brescia in un albergo e poi in un residence, sempre a spese, mi si diceva, dell’Emissario della Cina. Ero seguito da uno psicanalista ed il dottore psichiatra mi somministrava medicine, che vidi in seguito erano psicofarmaci pesanti e destabilizzanti. Dopo mesi di attesa estenuante senza che ci fosse spiraglio di soluzione, ma indotto a firmare documenti in cui avrei lasciato la gestione dei miei capitali a loro, cosa che non accattai, fui allora mandato via. Il mio passaporto e cartellino codice fiscale non mi sono più stati restituiti e non so quale fine abbiano fatto o se per caso qualcuno abbia interesse a tenerli con sé.

ALLO SBANDO

Non potendo ritornare dove ero ospite -quando fui prelevato dallo psichiatra che lavorava in Vaticano- mi rivolsi alla Charitas di Cuneo, non sapendo dove andare ed essendo soprattutto in uno stato pietoso di salute e terribilmente rovinato dai farmaci somministratimi in quei mesi. I di essa responsabili, vedendo il mio stato, telefonarono allo psichiatra chiedendo spiegazioni: questi rispose che ero pieno di soldi e che facevo il barbone di lusso. Avendo io dichiarato il motivo per cui ero stato nelle sue mani, fu a lui richiesto se ero Palhevi Savoia. Rispose -lui che aveva visto bene il mio DNA- che non sapeva nulla sulla mia identità.

CONCLUSIONE

Caro Signor Sergio a me viene da pensare che tutti costoro che si oppongono alla mia identità siano essi stessi matti se si concedono il lusso di perdere tempo per uno che non sanno chi sia. Le mie firme sono sempre valide quando si tratta di usare la mia persona per disporre dei miei capitali; quando chiedo di avere qualcosa per me divento immediatamente un non affidabile, una persona che non ha diritto alcuno. Per fortuna che delle persone mi hanno aiutato a trovare un alloggio, dopo l’altro fino a quello attuale, mi hanno fatto seguire da medici e mi sono ristabilito. Ma lei comprende come sia terribilmente schiacciante una situazione in cui molti sanno, ma qualcuno decreta che io non posso vivere una vita normale con una abitazione ed un’indipendenza economica almeno. E in più vieni a sapere che altri manipolano per te i tuoi capitali e non puoi disporre neppure di una briciola di essi o darli ai poveri, come da me stabilito e promesso. Esiste inoltre un mio testamento notarile che lascio tutto ai poveri, tramite un’associazione di aiuto e pace..

Confido in Dio, che prego sempre ed al quale come islamico sono sottomesso; mi affido e prego tanto Maria Rosa Mistica per me e per la Pace e l’armonia di tutti i popoli e soprattutto tra Cristiani e Islam.

Attendo che io possa svolgere presto il compito che dall’alto mi è stato affidato. Perdono e benedico tutti, anche quelli che mi hanno offeso e soprattutto mia Madre Gabriella di Savoia, che soffre terribilmente per questa situazione e non riesce ad aprirsi alla carità ed alla misericordia di Dio ed a riconoscere o almeno far aiutare suo figlio.

Termino qui e la ringrazio per avermi contattato. Veda lei se vuole far pervenire questa mia ed i miei sentimenti a mia Madre a Ginevra. Lì c’è anche il Nunzio Vaticano presso l’ONU dei diritti umani, che conosce molto bene il mio caso e mia madre pure.

Il Signore Gesù e Maria Rosa Mistica benedicano e accompagnino lei e la sua famiglia.

Ivano Phalevi Savoia Garro”

REZA PAHLAVIhttp://www.lastoriaincredibile.org/inglese/home_clip_image013.gif

Alcuni anni fa sono passati nel luogo dove ero ospitato, sia all’andata che al ritorno a San Giacomo di Compostela, degli usseri con i loro cavalli e carri. Uno di questi eraprofessore di storia. Appena vide le mie orecchie modificate in modo particolare mi disse “Lei è il primogenito dello Shah dell’Iran; questa è la prassi per segnalare a tutti il primogenito.” Io stesso che non aveva mai incontrato questa persona fui sorpreso della cosa, come pure tutti gli amici che hanno ascoltato tale affermazione.

 

 

POSITIONING LETTER

 

The undersigned Josef Monhud Palhevi Savoia,born in Teheran the 12-11-1957,legitimate first bornof Shah Aryamehr Reza Pahlavi and H.R.H. Princess Savoia Maria Gabriella, was consecrated to God The Most High with the holy ritual of ”Masila Mint”. From the still visible signs that would map out on my body a priestly stole and from other characteristics of my person one can suppose I may have a place in preparing the reign of the coming Lord.

As the legitimate heir of the Pahlavi patrimony, (incommensurable), destined to the poor, by my precise will, I dissociate myself openly from all members of the Freemasonry Lodges, because they, from the third degree upwards, don’t accept that Jesus Christ is the divine living Word made flesh; so they are according with Satan teaching.
Particularly I address myself to God the Most High, to the Holy Spirit, to Jesus on the Cross, to the Most Holy Mary and to Saint Michel the Archangel, powerful protector of the Kings of Persia (Dn. 10,13) and condemn the purposes and methods of the hole Freemasonry. Particularly I do so for the very powerful Israelite Freemasonry, which at its wish manages my capitals, arrogating to itself wrights never given to it. The same, in the name of The Most High, I put on its guard the powerful, inferior only to the Israelite one, Iranian Freemasonry, which doesn’t follow, regarding my case at least, nor God The Most High precepts, nor the Koran ones, but the dictates of Satan, to whose obedience are boundall Freemasons from the third degree onwards.

http://www.lastoriaincredibile.org/image/a50.jpg

 

Also as a legitimate heir to Iran’s throne, that I never desired, every day I firmly pray to God, to the Lord Jesus, to the Very Holy Mary, asking to have what is by right due to me.

Be on your guard, Freemasonic Lodges, that is enough one nod from the Most High and your leader, his allies and you, as Satan’s worshippers, will be wept away as sand grains in the desert by one glance, one only puff of the Immaculate Mary, Mother of the Lord and of all mothers.

Now I address myself again to God Our Father, to the Lord Jesus, to the Holy Spirit and to Mary and beg Justice for myself and for the poor.

 “O Holy Spirit, inspire us; Love of God consume us.

Mary, our Mother, help us; with Jesus and Joseph bless us, from every evil, every illusion, every danger protect us”.

 


Josef Monhud Palhevi Savoia Garro

http://www.lastoriaincredibile.org/image/a49.jpg

 


 

OPEN LETTER



I was consecrated with “ Masila Mint” (Ismaili initiation) that means “he who listens and knows the hidden things”.

1)I was born in Teheran the 12-11-1957, legitimate first born of Shah Aryamehr Reza Pahlavi and Princess Savoia Maria Gabriella, then aged seventeen.

2) I lived the major part of my infancy and youth in Italy, with various long visits to Iran, where I could contact my father, also if shortly. I consider myself very different from him; he loved certainly his people, but, he liked to appear, what in my opinion diminished the being; it seems to me that he had partially forgotten that a king should serve his people and be bothered little or never of his personal comforts, while my father was too much centred on his person.

Concerning my mother ...what to think of a woman who to the here writing, then a child aged nine, wanted to practice on her child body an abrasion of his royal dignity identity signs, imposes a plastic face surgery, with the only purpose of making him to look very dissimilar from the great likeness with his real father…I think she introduces herself…

http://www.lastoriaincredibile.org/image/a42.jpg

 

http://www.lastoriaincredibile.org/image/a43.jpg

Smile happy and alive, serene face

   

quenched smile, sad face! Why this?

 

My Dear Iranians, ( and friendly readers),I will explain to you with this communication who is Josef Monhud Palhevi Savoia at 49 and what he wishes.

I conducted a gloomy life; the most of the time away from both parents, I felt refused by them, also if recognised as first born, crown prince and legitimate heir.

Anna Lucia, my affiliating mother, loved me very much and frequently repeated to me: ”You are not my son, but I wish my first born son would be like you: good, obedient, also if you are not expansive and looking melancholically...” I was more affectionate to Lucia, certainly not so much to my father Aryamehr or to my mother Maria Gabriella, who always opposed to my staying permanently with them; I imagine for the reason that I didn’t correspond to their hypocritical canons, oriented more to appear then really to be.

 

Thanks to the help of Miriam, powerful and humble Mother of all mothers and to ALLAH, the Most High, to Whom I have been consecrated, I desire, with all my heart, that my true identity be recognised; in Italy it is well known by many, especially in Courts and Government Offices…, but they try to hide it, like a secret of “Pulcinella”, the Italians would say.

http://www.lastoriaincredibile.org/image/a7.jpg

During the whole life I had to endure ill-treatments at the limits of the incredible. Also the last three years had been for me full of sufferings and difficulties: on me were hampered psychological and emotional vexations and oppressions. I could play piano perfectly well at top level, I knew Palhevi and Pharsi language; I was forced to subdue repeatedly to hypnotic treatment with which they blocked my practical piano playing, the speech of father language and to remember many subjects and things. These last years I suffered for isolation, lack of professional job, I had before, but mainly for Lucia’ separation and finally for her death.

The 17 November 2004, arrived for few days of rest and prayer in a monastery, the evening of the 18th I was abducted. The complaint, lodged by myself and the monks, for the undergone violence have not been taken into consideration by police and judicial authorities; afterwards it was dismissed without checks or inspections in the place and with the involved persons.

I dare to state that, during this abduction case, I was treated like the investigated one, absolutely not reliable on the facts, but as a foolish one for having asserted to be who really I am.

Always this approach was and it is taken on my person by Civil, Police, Court and Banks Authorities; they use tow weights and measures: if I sign and say what pleases them, I am able to understand and will; if I say and avow things they don’t wish to hear, I am considered immediately as a mad, unable to understand and will
This behaviour was kept clearly in my regards by the “carabinieri” during the kidnapping fact, but also today, especially in the Banks and Administration offices, one thinks and says that I am a fool . (Those who support and help me are considered the same).

I could report various cases of abuses met in the Banks, where those in charge know very well my identity, and my rights of capitals ownership, but they continue not to give me due information, allowing instead Lucia’ relatives or others the freedom to possess, under their names, very big capitals (my capitals, related to my person, as Lucia has repeatedly stated in front of witnesses).These and different accounts distributed in various banks… (BRE, Banca di Novara, San Paolo IMI, UBS) have passed under their or other names, while under my name is nearly nothing. I say this for facts truth and justice towards the poor, to whom this money will be given.

The testament of my affiliating mother declares as sole and universal heir her only son, whilst in the banks and insurance companies had been sent by Lucia letters stating she donated all to me; also to the judge were given documents, signed by her, declaring that I am not her son, but that she wanted give and leave to me all capitals, because they were mine.  

At present, for the Banks and State Authorities I would have, registered on my name, a small account with little money; opposite, on Lucia’s relatives names are registered huge amounts and they pay various insurances with annual bonus of 60.00,00 €, one of a Million Euro and more. I asked the banks which interdiction was issued on me, from which judge and why.

I am waiting for an adequate and convincing answer.

In my opinion such a behaviour it is “injustice”, violation of transparency right, much solemnly proclaimed, “undue appropriation”, not to say something else, of other's money.

http://www.lastoriaincredibile.org/image/a24.jpg

 

My mother, Savoia Maria Gabriella DNA, for a case taken in a Paris Court, (France), was made public through internet. I addressed myself for Genetic-forensic Expert Evidence to approved institutes. The tests gave 14 polymorphic and genotype results,(four of them have with clear Asiatic markers) and also the results of HVR mitochondrial (mtDNA) regions exploration. Infront of witnesses was shown to me the correlation of the tow DNA, my mother’s one and mine, from which was evident that the Princess Savoia Maria Gabriella is my mother.
Is not a worse blind than he who won’t to see, nor worse deaf than he who won’t to hear. There are persons able to falsify DNA results, after having falsified many other items regarding my case.

I will communicate soon to you the sentence on the appeal made by my lawyers. In the pevious sentence, which you can see on the courts pages of my site, is evident the unjust ant-constitutional attitude kept against me and the fundamental rights of man, so strongly supported by ONU and UE. Yuo can note also the cunning bad trickery used to avoid my reaching legally the true identity. I hope they could gain themselves the documents on my identity as Palhevi Savoia; the consulted authorities always admitted documents were present, but they have refused (why?) to consign them to me.

http://www.lastoriaincredibile.org/image/a6.jpg

 

My dear Iranians and readers, as you have already noted in the site, my precising information on First Communion and Confirmation, thes had never been given to me, because I was an Islamic and not baptised person. I ask you kindly to support me so that justice will be done; give me also a hand to take public possession of my human rights, of my royal dignity, that I can’t give up, being a consecrated person, and finally of my great patrimony, which rich families of high finance world business are managing, with my mother consent. I wish to underline that never I accepted to reign nor I want it now, but, backed by your support, I hope very much to succeed in transmitting this money (hold in Alawi Foundation , Manhattan Bank , Pahlavi Bank, and others) to the poor, oppressed ones, to the despised, (as myself was despised, and still I am oday. Un example for all: in the small village of S. Lorenzo, Peveragno, where I worked for ten years as a teacher, some people had placed along the road posters with the writing : “Go back where you came from!”, referred to my person. Lucia defended me in that occasion as in all my life from some Italians who were used to say: "he is good, intelligent, but an Islamic, somebody diverse…"

http://www.lastoriaincredibile.org/image/a41.jpg

 

How may tears when a child, how many when adult…All you of my Persian people, and you who love and support my person and cause, are all entrusted to Miriam, humble an powerful, the Mother of all mothers so that She will receive you with her open harms, especially when you will be tired, oppressed, humbled…

 

Josef Monhud Palhevi Savoia